In Palermo Today.com
In Palermo Today.com
 





Cappella Palatina Cappella Palatina - Piazza del Parlamento, 1 - Palermo

La Cappella si trova al primo piano all'interno del Palazzo dei Normanni, sede oggi dell'Assemblea Regionale Siciliana e un tempo dimora reale degli Svevi con Federico II imperatore e Corrado IV.

"O nuova meraviglia! Il potente Signore Ruggiero avendo avuto lo scettro da Dio, frena il corso della fluida sostanza, la cognizione distribuendo scevra di errori delle ore del tempo. Nel mese di marzo indizione quinta e di nostra salute l'anno 1142, e del suo felice regno l'anno XIII."

- Iscrizione in greco, arabo per la costruzione dell'orologio idraulico voluto da Ruggero II latino per la costrisalente al 1142 nel secondo loggiato del Cortile Maqueda del Palazzo Reale di Palermo.

La Cappella Palatina è ua basilica a tre navi intitolata a Santi Pietro e Paolo voluta dal primo Re Normanno Ruggero II d'Altavilla, consacrata il 28 aprile 1140 ed inaugurata dall'arcivescovo di Taormina, Filagato da Cerami, il 29 giugno 1143.

Anteriormente, per volere del sovrano normanno Ruggero, la Cappella fu intitolata a San Pietro Apostolo (1132).

Le tre navate terminano in tre spazi absidali sormontati da altrettante cupole che sono sorrette da colonne in granito e marmo cipollino con capitelli compositi al di sopra dei quali si slanciano arcate a forma di ogiva.

Il monumento, tra i più visitati della Sicilia, svetta per la presenza di mosaici bizantini raffiguranti il Cristo Pantocratore (letteralmente in greco "che può tutto") che coprono interamente cupola, transetto e absidi. In particolare quelli della cupola risalgono al primo periodo normanno (XII secolo) mentre quelli delle navate al periodo di regno di Guglielmo I.

La Cappella inoltre è uno splendido esempio di connubio stilistico. I Normanni infatti non erano ideologicamente attaccati a nessuna delle culture dominanti del periodo, la araba, la bizantina e la cristiana latina. Proveniendo dal nord Europa come conquistatori analfabeti messi al soldo delle potenze regnanti in Europa, avevano conquistato in poco tempo intere aree geografiche sprovviste di potere in seguito alla crisi nei possedimenti bizantini e Longobardi d'Italia. Dopo la formazione e la proclamazione del loro regno attraverso notevoli opere architettoniche la loro scelta stilistica fu caratterizzata da uno stile che riunisse le maggiroi tendenze del tempo.

L'astuto Ruggero II chiamò quindi al lavoro maestranze e architetti bizantini, musulmani e latini a rappresentare del resto una popolazione che era già tripartita in queste rispettive fazioni. Anche nella scelta del progetto fu rispettato questa scelta: la pianta della basilica infatti è a tre navate di tipo latino ma il presbiterio è bizantino e sormontato da cupola.

Oltre ai mosaici raffiguranti il Cristo Pantocratore se ne possono osservare altri dedicati ai Santi e Padri della Chiesa nei pilastri e negli intradossi degli archi; ed ancora altri nelle navate laterali, come detto risalenti a Guglielmo I, dove sono narrati episodi della vita di San Pietro e di San Paolo. Infine nella navata centrale mosaici che hanno come tema eventi riportati nell’Antico Testamento.

Ultima nota interessante è il soffitto a muqarnas che si trova al di sopra della navata centrale: si tratta dell'unico esempio esistente di pittura di scuola islamica raffigurante personaggi umani.

Come raggiungere la Cappella Palatina di Palermo

- in auto: uscita autostrada E50 Palermo con direzione centro. Percorrere Corso Calatafimi per 2 Km fino al Palazzo Normanno.

- in bus: dalla Stazione Centrale autobus 109, 234, 318 (ogni 13') per 1 Km fino alla fermata Benedettini. Poi a piedi per 200 metri fino al Palazzo Normanno.

- a piedi: dalla Stazione (1.4 Km) a destra per 100 metri fino a Piazza Giulio Cesare. Qui a sinistra per Corso Tukory per 700 m e a destra in via Generale Cadorna fino al Palazzo Normanno.

Orari: da lunedÝ a sabato dalle 8.15 alle 17.40, ultimo ingresso ore 17.00. Domenica e festivi dalle 8.15 alle 13.00, ultimo ingresso ore 12.15. La visita alla Cappella Palatina non Ŕ consentita le domeniche e nelle festivitÓ comandate dalle 9.45 alle 11.15 per la funzione religiosa.
Chiuso il 25 dicembre e il 1° gennaio. Chiusura anticipata il 15 luglio e il 4 settembre alle 13.00, ultimo ingresso alle 12.15. Nei giorni 24 e il 31 Dicembre, quando non sono festivi, la chiusura Ŕ prevista alle ore 15.00, ultimo ingresso alle ore 14.15.
Telefono: +39.091.6262833 - Fax. +39.091.6262962
E-mail: fondazione@federicosecondo.org
Sito web: Cappella Palatina

In Palermo Today è aggiornato ogni giorno

© In Palermo Today
Tutti i diritti riservati